sabato 19 gennaio 2019

Pfoa: rischi per la salute nel territorio di Alessandria.



La trascrizione della relazione di Balza:
“Carta canta. Questa che ho in mano è la denuncia presentata alla Procura di Alessandria, a firma Barbara Tartaglione e Lino Balza. Denunciamo gli estremi di reato in cui incorrono le Autorità di Alessandria e del Piemonte (comune, provincia, regione, asl, arpa preposte alla tutela della salute pubblica per i loro comportamenti difformi dalle Omologhe del Veneto, pur in presenza di condizioni ambientali e sanitarie del tutto coincidenti. Provocate cioè dagli inquinamenti PFOA di Miteni a Trissino e da Solvay a Spinetta Marengo.” (continua)

venerdì 18 gennaio 2019

Pietra tombale su Ambiente e Vittime di Montedison/Solvay.

 
Sommandosi a quelle delle amministrazioni (di ogni colore), comunali, regionali, asl, arpa, anche le responsabilità della Magistratura sono storicamente enormi. Finalmente, come effetto di una lotta condotta per quasi mezzo secolo, anche pagando salati prezzi personali, finalmente nel 2008 fu avviato un procedimento penale contro Montedison/Solvay di Spinetta Marengo. Il quale si è concluso, anche in Appello, con una sentenza scandalosa. Le motivazioni, nella sentenza, si gonfiano con esclamazioni catastrofiche, corrispondenti alla realtà: “un evento distruttivo di proporzioni straordinarie”, “ un avvelenamento delle falde difficilmente reversibile”, “sprezzo assoluto degli imputati all’incolumità pubblica”. Poi, nella condanna, la sentenza si sgonfia come un palloncino: assolve praticamente tutti gli imputati, a cominciare dagli amministratori; non riconosce risarcimenti alle centinaia di Vittime morte e ammalate, se non indecenti elemosine ad alcune; e la bonifica –checchè ne scrive la propaganda Solvay sui giornali- è una balla: quella vera non è mai stata avviata e dunque non sarà mai conclusa, altro che “entro il 2029”. Lo affermo ora per allora, visto che mi sto trasferendo da Alessandria, lontano da questa classe dirigente di fatto e di diritto storica connivente con il suo maggiore inquinatore. Dopo il mezzo secolo delle mie battaglie, con la coscienza a posto, credo di avere il diritto di ribadire (canto del cigno però Cygnus cygnus): una sentenza scandalosa, anch’essa a profitto degli avvocati (clicca qui), che ben merita il posto d’onore nel nostro libro “Ambiente delitto perfetto”, una sentenza che ha anche prodotto il mio abbandono a Medicina democratica dopo 40 anni dalla fondazione, a causa del rifiuto della presidenza a tutelare le Vittime (morti e ammalati) in un processo in sede civile. Resterà il “Movimento di lotta per la salute Giulio Alfredo Maccacaro”.

mercoledì 16 gennaio 2019

Compagni che sbagliano: quelli della redazione attuale de Il Manifesto.

Compagni della Redazione, l’articolo di Marco Bascetta del 15 gennaio è una vergogna. In prima pagina, sotto la testata “quotidiano comunista”, mostra lo smarrimento di un giornale che, ieri, era capace di “dare la linea” e che, poi, pencola tra Vendola e Ferrando, oscura Rifondazione e sbeffeggia i Cinquestelle. Così Battisti non è stato un folle stupido assassino non solo di uomini ma anche della classe operaia, bensì sarebbe stato un compagno dei proletari armati per il comunismo “caduto nelle mani” della destra brasiliana e italiana, a tempo scaduto perché ormai è un “ex terrorista” “celebre scrittore” “uomo esausto e in età di pensione”, vittima di “accanimento” e di “spirito di vendetta” e di una “ordalia propagandistica di per sé un atto di ingiustizia e gratuita violenza”, che giustificano le rifiutate estradizioni essendo state le sentenze “esercizio della giustizia non limpida e imparziale” quando lo Stato “giocò duro e non si astenne dal forzare le regole e fare ricorso a strumenti tutt’altro che ortodossi”, al punto che “anche alcuni intellettuali presero le difese del militante dei Pac” “chi ritenendolo cambiato e innocuo e dunque perseguitato per una mera questione di principio”. Per quella questioncella (2 ergastoli per 4 innocenti assassinati) il povero Battisti è vittima di “linciaggio mediatico e inutili vessazioni (come il semestrale isolamento diurno a 37 anni dalla sentenza)”. Infine Bascetta si appella ai governi stranieri: “Riflettere seriamente prima di estradare chicchessia nel paese governato da Salvini e Di Maio”.

Lino Balza (ai tempi dei Pac iscritto alla Sezione Guido Rossa del PCI).

Sono i padroni a denunciare gli schiavi.

Il presidio davanti al tribunale di Alessandria
Prende avvio il processo contro 26 braccianti, attivisti, militanti e sindacalisti accusati di aver procurato nell'anno 2012, durante gli scioperi, danni morali e materiali, ai due padroni dell'azienda agricola Lazzaro Bruno e Mauro di Castelnuovo Scrivia che, dopo averli sfruttati, licenziati, non pagati, li hanno pure denunciati chiedendo loro un risarcimento danni di 1.533.635 euro! Una vicenda incredibile, messa sotto silenziatore dai media e dalla politica che conta. Necessario il sostegno alle spese: clicca qui.

Legambiente capofila nell’emergenza Pfoa: come affrontarla.

 
Al convegno di Alessandria del 19 gennaio presenti per Legambiente il presidente nazionale Giorgio Zampetti con Fabio Dovana e Piergiorgio Boscagin presidenti piemontesi e veneti. Sotto la lente di ingrandimento i rischi per la salute nel territorio di Alessandria. (clicca qui il comunicato stampa). Sotto accusa Regione, Comune, Asl, Arpa, Provincia, Sindacati e la stessa Magistratura (clicca qui l’esposto denuncia). Come affrontare l’emergenza nazionale.

Infatti il Pfoa, perfluoroalchilico cancerogeno e interferente endocrino, è stato da anni scaricato dalla Solvay di Spinetta Marengo e si è propagato nell’ambiente e nelle falde acquifere defluendo attraverso Bormida e Tanaro fino ad inquinare le acque del Po. E’ arrivato ai prodotti alimentari e al corpo delle persone: è presente nel sangue dei lavoratori del Polo Chimico e presumibilmente dei cittadini di Alessandria. Con la collusione delle inerti Autorità pubbliche.

Impunità e lobby nelle aule penali.

 
Di norma i “grandi processi” in sede penale corrispondono a delitti perfetti contro l’ambiente e la salute, garantiti da una impunità sicura nelle aule dei tribunali. Si pensi a quelli sull’amianto. Tralascio tutta la rovente tematica giuridica ed etica già trattata in alcuni libri (“Ambiente Delitto Perfetto”, “Luigi Mara & Medicina democratica”) per estrapolare un aspetto aberrante: questi procedimenti penali servono né a condannare gli assassinii né a risarcire le Vittime e l’Ambiente, bensì unicamente ad ingrassare la lobby degli avvocati d’accusa&difesa e ad impinguare le casse delle parti civili non fisiche (associazioni e amministrazioni) che accorrono ogni volta come avvoltoi sulle carcasse ambientali. Ne è il paradigma Medicina democratica nel processo Solvay: di cui le sentenze assolutorie del disastro ecosanitario della Fraschetta, uno dei maggiori in Italia. Ebbene (continua)

Canal Grande è più inquinato della tangenziale di Mestre.

Una grande nave (da crociera o mercantile) inquina come 14.000 automobili. Scatta l’allarme rosso a Venezia… ma non i divieti. Clicca qui Luciano Mazzolin.

Le fibre di amianto dai rubinetti non sono innocue.

Clicca qui AEA (Associazione Esposti Amianto e rischi per la salute).

I Comuni destinano appena un quarto della spesa sociale alla disabilità.

E con forti squilibri da territorio a territorio, con il Sud ancora una volta di gran lunga “fanalino di coda (continua…)

Scatta il divieto di consumo di pesce proveniente dalle zone contaminate da PFOA.

Ordinanza della Regione Veneto, dopo che è stato decretato lo stato di emergenza e il commissariamento dell’area colpita. Clicca qui.
La Regione Veneto si è costituita parte offesa. Clicca qui.

Come rendere ecologico il diritto privato.


lunedì 14 gennaio 2019

Dove si annidano i PFOA.

Nei contenitori alimentari, nei tessuti, perfino nel filo interdentale. Clicca qui uno studio.

I NoTav preparano la grande manifestazione nazionale del 23 marzo.


Assemblea e Appello a tutti i Comitati, Movimenti, Associazioni e ai singoli che da anni si battono contro le grandi opere inutili e imposte, e per una nuova stagione di giustizia ambientale e la salvaguardia del Pianeta. Clicca qui.
Clicca qui le iniziative in Valsusa.

Processo Ilva, i retroscena e le omissioni.

La più importante fonte emissiva di diossina in Europa “dimenticata” dai monitoraggi, insieme all’altro cancerogeno benzo(a)pirene. L’immobilismo di Vendola. Il formaggio alla diossina. Clicca qui la testimonianza di Alessandro Marescotti, Peacelink.

NO-grandi opere e Resistenze ai disastri sanitari-ambientali ed economici in Mediterraneo.

15 gennaio ore 18 Cesto/giardini Luzzati incontro-dibattito con Marco Preve (Repubblica-Genova) , Rossana Aluigi (Comitato Liberi Cittadini di Certosa), Davide e Diego (NOTerzo Valico), Federico Valerio (Ecoistituto REGE e Rinascimento Genova), Salvatore Palidda (curatore del libro).

giovedì 10 gennaio 2019

Gli inceneritori costano tre volte il riciclo e danno lavoro ad un quarto degli addetti.

Clicca qui il rapporto scientifico che stronca la tecnologia.

La mafia qui da noi.


Coordinamento toscano contro Camp Darby per la Pace e la Costituzione.

A Empoli il 26 gennaio. Il Tavolo per la Pace della val di Cecina sta cercando di coordinarsi con altre realtà associative toscane per ricreare, con più forza, un movimento contro la militarizzazione, sempre più crescente, in Italia e in Toscana in particolare. Il “Movimento di lotta per la salute Giulio A. Maccacaro” aderisce. Clicca qui.

Niente aumento delle pensioni di invalidità.

Delusione e sconcerto fra le persone con disabilità e le famiglie (continua...)

Non esistono posti di lavoro su un Pianeta morto.

“Non c’è giustizia climatica senza giustizia" E quindi “non c’è giustizia climatica senza pace, in quanto non c’è giustizia senza pace! Soprattutto se la guerra oggi può significare la scomparsa anche in un attimo dell’intero genere umano. Clicca qui, se vuoi esprimere parere e aggiungere firma, un contributo al dibattito per il convegno che la Coalizione Clima sta organizzando. Primi firmatari: Giuseppe Farinella – Il Sole di Parigi, Giovanna Pagani – WILPF Italia, Alfonso Navarra  – Disarmisti Esigenti , Oliviero Sorbini – Accademia Kronos.

Un direttore dell'Arpa senza puzza sotto il naso.


Clicca qui il Movimento di lotta per la salute Giulio A. Maccacaro Sezione di Alessandria.
Dopo il nostro comunicato, la scoperta dell’America di Maffiotti. Clicca qui per notare i verbi al condizionale, come il nome “Solvay” sia accuratamente omesso nonché l’ennesimo pompieraggio: nessun pericolo. 

martedì 8 gennaio 2019

Meno di una scuola su tre è accessibile ai disabili.

Solo una su quattro ha postazioni informatiche adatte alle esigenze degli alunni con sostegno. Insufficienti gli insegnanti di sostegno e poco preparati, in più discontinui. Peggiore la situazione al sud. Clicca qui Virginia Della Sala.

Magre pensioni, indennità e assegni a invalidi civili, ciechi civili e sordi.

Clicca qui.

No Triv contro M5S.

Nel mirino l’ok di Di Maio a tre nuovi permessi di trivellazione nello Jonio, davanti a Basilicata, Puglia e Calabria. Clicca qui Greenpeace. I Cinquestelle contrattaccano: “Sono tutte falsità”, clicca qui.
Clicca qui lettera delle Associazioni e dei Comitati al ministro Costa.
Intervengono a loro volta i parlamentari pentastellati: clicca qui.

Il maggior numero di morti bianche dal 2008.

 
Lo rileva l’Osservatorio indipendente di Bologna, correggendo i dati Inail. Clicca qui Roberto Rotunno.

Alessandria Convegno PFOA venerdì 18 gennaio 2019 ore 21.


Clicca qui l’esposto denuncia alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Alessandria.

lunedì 7 gennaio 2019

Enorme discarica nell'alessandrino.


Minaccia ulteriormente la popolazione di un territorio che vive sulla propria pelle gravi ed irrimediati inquinamenti: dalla Solvay a Spinetta Marengo al disastro ambientale della Valle Bormida prima con l’Acna di Cengio e ora con la discarica di Sezzadio, all’area non bonificata della Pedaggera, al Tav Terzo Valico eccetera, e ora con la mega discarica in autorizzazione a Frugarolo/Casalcermelli. Clicca qui il comunicato stampa.
Clicca qui come propaganda l’impresa di smaltimento rifiuti.

In TV la storia dell'oncologa che lotta contro l'amianto.

Clicca qui Silvana Mossano.

Genova: rischi ambientali e politici dopo il crollo del ponte Morandi.


Clicca qui un commento di Andrea Agostini - Presidente Circolo Nuova Ecologia Legambiente Genova.

Prima schiavi, poi licenziati, infine denunciati.

Sono tre le organizzazioni di “caporalato” scoperte e denunciate finora nel territorio alessandrino. Dopo la straordinaria lotta dei braccianti marocchini dell’azienda agricola Lazzaro Bruno e Mauro e la nascita del Presidio permanente di Castelnuovo Scrivia si sono accesi i riflettori. Dunque sono stati denunciati a loro volta: (clicca qui). Per la cassa di resistenza: Clicca qui.

NOTRIV, NOTAP e NOTAV a Matera. Iniziative e assemblea NOTAV Valsusa.

Clicca qui il programma.

Cosa cambia con la Legge di Bilancio per le persone con disabilità.

Reddito e pensione di cittadinanza, scuola, cani guida, Carta Europea della Disabilità, Fondi vecchi e nuovi (continua...)

Dopo 200 anni il Braille non è un mezzo superato.

Louis Braille ha lasciato un importante strumento da preservare e coltivare ulteriormente. (continua...)

giovedì 3 gennaio 2019

Il comitato Mamme NoPfas alla Camera dei Deputati.

Il 10 gennaio, presenta il video che oltre trenta famiglie del Veneto hanno realizzato per sensibilizzare le autorità e le istituzioni, nazionali e internazionali sulla gravità della contaminazione da Pfas: “Per garantire che ciò che è accaduto non accada mai più”.

Miteni ha contaminato con PFOA la catena alimentare veneta: deve pagare i danni.

L’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) conferma: Miteni ha contaminato la catena alimentare del Veneto. Clicca qui
Il ministero dell’Ambiente chiede i danni a Miteni che, per non pagare, dichiara fallimento. Clicca qui.

12.482 i siti inquinati in Italia non bonificati.


Molti per il loro elevato rischio sanitario sono definiti "di Interesse Nazionale (SIN)". Clicca qui Milena Gabanelli.

domenica 30 dicembre 2018

In 72 pagine assolti i manager Pirelli imputati di omicidio colposo plurimo.

La V Sezione Penale del Tribunale di Milano motiva l’ennesima assoluzione per le morti amianto: sono rilevanti solo le prime esposizioni della fibra killer, le esposizioni successive non hanno alcuna rilevanza nella storia del mesotelioma. Altro capitolo da aggiungere al nostro libro "Ambiente Delitto Perfetto".

Perché Brescia detiene il record di PM10.

Perché “ospita” il mega inceneritore e l’unica centrale a carbone operante in un grande centro urbano. Clicca qui Marino Ruzzenenti che sbugiarda le frottole raccontate da A2A e dall’Amministrazione comunale. La beffa per i bresciani è doppia: diventati bravi nel fare la raccolta differenziata (70%), , subiscono lo scorno che i minori rifiuti da smaltire vengono sostituiti da rifiuti speciali importati e più inquinati, procurando maggiori profitti drogati alla monopolistica A2A, cioè agli azionisti privati.

La Carta dell'Umanità: Verso un patto dell'umanità.

In preparazione della Carta, alla Plenaria dell'Agorà degli Abitanti della Terra di Sezano (VR) presentati 13 rapporti di gruppi di lavoro tenutisi in diverse parti del mondo. Clicca qui.

La mappatura partecipata dei più emblematici conflitti ambientali.

Dopo aver pubblicato sul Blog l'atlante globale della giustizia ambientale, segnaliamo anche il progetto italiano di mappatura, gestito dal CDCA - Centro Documentazione Conflitti Ambientali.

Europa: la deriva di un continente.


Clicca qui per scaricare la rivista “Granello di sabbia” di Attac Italia.

Sindaci e sindacati "fanno ammuina" e l'Enel ci fa il pacco di Natale: la nuova centrale Triana (GR) da 20 MW.

Il “Movimento di lotta per la salute Giulio A. Maccacaro” aderisce al comunicato della Rete nazionale: clicca qui.

Violenta conferenza stampa dei NoTav Terzo Valico contro il tradimento Cinquestelle.

Clicca qui. Controanalisi costi-benefici. Ma anche accuse roventi: “Fate schifo, ci avete preso per il culo e in tante parti d’Italia. Anche a livello locale non siete più interlocutori credibili”. La lotta continua.

I NoTav Valsusa lotteranno per i NoTav Terzo Valico ligure piemontese.

Costruire insieme la manifestazione del 23 marzo a Roma: non un passo indietro. Clicca qui.

La nonviolenza è lotta. Aldo Capitini. Sulla via di Tolstoj, Luxemburg, Woolf, Weil, Gandhi, Luther King, Arendt, Dolci.

Antifascista, liberalsocialista, apostolo della nonviolenza, ideatore della marcia per la pace Perugia-Assisi, fondatore del Movimento Nonviolento. Clicca qui biografia e suoi testi sulla Teoria della nonviolenza.

Capodanno tarantino. Il governo brinda l'Ilva che sputa fuoco.


Un video satira sull’impunità penale, di Enzo Giraldo diretto da Giuseppe Giusto.

La rivoluzione nonviolenta. Danilo Dolci, alla scuola di Socrate e Gandhi.

A ventun anni dalla scomparsa del sociologo ed educatore, tra le figure di massimo rilievo della nonviolenza nel mondo. Partigiano, protagonista delle lotte nonviolente contro la mafia e il sottosviluppo, per i diritti, il lavoro e la dignità: subisce persecuzioni e processi. Clicca qui una biografia.

giovedì 20 dicembre 2018

Ma i No Tav non si fermano.

Clicca qui le prossime iniziative.

XIV Rapporto sulla qualità dell’ambiente urbano.

Continuano i superamenti del PM10 nelle città italiane. È ancora pericolo frane e alluvioni. Si rafforza lo sharing mobility. Sono i risultati dell’edizione 2018 del Rapporto ISPRA-SNPA “Qualità dell’Ambiente Urbano”, presentato al Senato. Il lavoro, cheanalizza l’ambiente in 120 città e 14 aree metropolitane, quest’anno dedica il focus alle esperienze innovative … LEGGI L'ARTICOLO

mercoledì 19 dicembre 2018

Regalati a Natale una sottoscrizione a favore della Ricerca per la cura del mesotelioma.


<<Luigi Mara compare spesso nei miei libri in quanto il nostro sodalizio è durato più di quaranta anni, interrompendosi bruscamente qualche mese prima della sua morte. Della sua vita terrena e postuma, questo taccuino raccoglierà aspetti nel bene ma anche nel male, perciò non li leggerete mai nelle rituali commemorazioni dei cortigiani e degli pseudoaccademici: incapaci di affrontare un confronto-scontro di idee e, nel contempo, di rendersi conto che in questa epoca “web al quadrato” ogni censura è velleitaria.>>. 

La seconda e definitiva edizione del libro, che ha integrato i capitoli già pubblicati sul Blog (clicca qui l’ultimo), sarà spedita in forma cartacea all’indirizzo di chi comunicherà a balzamd@gmail.com di aver fatto un bonifico di almeno 20 euro su IBAN IT25R0558410400000000002329, oppure su Paypal lubaja2003@yahoo.it . Tutte le sottoscrizioni saranno, come sempre - interamente - devolute alla Ricerca per la cura del mesotelioma.

martedì 18 dicembre 2018

Il sì traditore al Tav Terzo Valico.


Movimento di lotta per la salute

Giulio A. Maccacaro

Sezione di Genova




E-mail procomto@libero.it Tel. 3454451456 Twitter : @penna_tagliente



Finalmente il ministro di infrastrutture e trasporti Danilo Toninelli si è degnato di dare una risposta definitiva sulla questione costi-benefici della grande opera inutile e devastante denominata Terzo Valico ferroviario dei Giovi. E' bene ricordare che questa nuova linea ferrata, una volta completata, sarà lunga cinquantatre chilometri, di cui trentanove in galleria, ed unirà le località di Genova Fegino e Rivalta Scrivia, alle porte di Tortona, in provincia di Alessandria. Basta quindi conoscere appena un po' di geografia per rendersi conto che si tratta di una cosa totalmente inutile, che inizia alla periferia del capoluogo ligure per terminare nel mezzo della campagna tortonese: altro che la, da sempre millantata, Genova-Milano. Come se non bastasse non si tratta affatto di una tratta ad alta velocità, ma di una semplice linea ad alta capacità: essa non interesserà il traffico passeggeri, limitandosi a trasportare le merci dal porto di Genova al polo logistico della famiglia Gavio. Nonostante tutte queste osservazioni indiscutibili, che fanno dell'opera un manufatto la cui unica "qualità" è essere dannoso per l'ecosistema di tre valli, e soprattutto per la salute delle popolazioni coinvolte, il parere del "governante entusiasta" è favorevole. Era tutto già ampiamente previsto: i rappresentanti del Movimento 5 Stelle avrebbero tirato per le lunghe il più possibile questa valutazione degli aspetti economici del progetto, ma alla fine avrebbero dato il via libera allo stesso. In più occasioni, abbiamo criticato anche pesantemente l'atteggiamento degli eletti pentastellati nelle istituzioni: in particolare quello di Alice Salvatore, capogruppo in Regione Liguria, che si è adattata subito alla nuova situazione. Non si illudano, lorsignori: la lotta contro questo scempio ambientale, e non solo, non verrà meno; quello che invece ci si augura sparirà è il consenso di ci hanno goduto questi parassiti che hanno approfittato della buona fede di tanti liguri e piemontesi per raggiungere ciò che volevano, prima di tradire completamente le promesse fatte. Per finire, qui sotto il comunicato del movimento No Tav-Terzo Valico.

«Il Ministro Toninelli ha annunciato dal suo profilo facebook che è terminata l'analisi costi/benefici inerente il Terzo Valico. Andate ad ascoltare cosa dice e andate a leggere cosa scrive. Il succo è che la decisione del Governo è quella di proseguire i lavori. Peccato che in campagna elettorale il Movimento 5 Stelle definisse l'opera inutile e dannosa per la salute dei cittadini.
Oggi tutto questo non vale più. Poco importa la presenza di amianto, poco importa la corruzione e gli arresti dei vertici del Cociv, poco importano le infiltrazioni della criminalità organizzata, nessuna importanza viene data alla distruzione delle sorgenti e delle falde acquifere. Tutto questo oggi scompare nel nome dei posti di potere e di un Governo insieme alla Lega. La verità è che dopo Ilva, Tap e Muos, il Movimento 5 Stelle ha deciso di tradire un altro territorio. Ha deciso di pugnalare alla schiena migliaia di persone che avevano riposto in loro fiducia affinché questa grande opera inutile venisse fermata. Il Movimento 5 Stelle è uguale agli altri. E' parte del sistema che dicevano di voler combattere, è succube degli interessi di Salini Impregilo esattamente come lo era il Partito Democratico. Vi aspettiamo nelle nostre valli se mai un giorno avrete il coraggio di presentarvi. Sappiate che non sarete i benvenuti. Urleremo ancora e ancora "Giù le mani dalla nostra terra".»

Post scriptum. Il “Movimento di lotta per la salute Giulio A. Maccacaro” di Alessandria si associa. Cosa aggiungere? Che il M5S di Alessandria non ha avuto alcun peso a livello nazionale? Che d’altronde a suo tempo non aveva goduto di molto appoggio elettorale da parte dei Movimenti locali?

Il via libera al Tav Terzo Valico scatena i No Tav contro i 5 Stelle.




Manifestazione a Genova

In una storia travagliata come quella del Terzo valico, fatta di continui stop and go, ha qualcosa di grottesco che a dare l’ultimo benestare siano coloro che tanto l’avevano avversato, il M5s. Clicca qui. Clicca qui la replica di Danilo Toninelli, ministro dei trasporti.

Morti per amianto, Schmidheiny indagato per omicidio colposo aggravato da “colpa cosciente”


Verso la chiusura indagini dell’inchiesta “Eternit Bis”, il fascicolo riguarda i decessi di circa 350 casalesi. Clicca qui Silvana Mossano.

Blitz di Legambiente Palermo contro l'inquinamento delle navi da crociera.

Striscioni gialli per chiedere che il trasporto marittimo si adegui alle misure di contenimento delle emissioni di CO2 e che venga reinstallata la centralina per il loro rilevamento: "Fermiamo la febbre del pianeta". Clicca qui il video.

15 indagati Tap.

La Procura di Lecce ha notificato l’avviso di conclusione delle indagini a 15 persone e all’azienda Tap, relativamente a reati ambientali che sarebbero stati commessi nella parte del cantiere in località "Le Paesane" di Melendugno e sul presunto inquinamento della falda e del sottosuolo nel del cantiere del microtunnel in località San Basilio di San Foca, marina di Melendugno , per la possibile perdita di sostanze pericolose , tra cui il cromo esavalente con l’ipotesi che l’area potesse essere stata contaminata con il cemento utilizzato da Tap durante i lavori, per via di una inidonea impermeabilizzazione del cantiere.

Tesi sull'età atomica.

Guenther Anders, strenuamente impegnato contro la violenza del potere e particolarmente contro il riarmo atomico, è uno dei maggiori filosofi contemporanei; è stato il pensatore che con più rigore e concentrazione e tenacia ha pensato la condizione dell'umanità nell'epoca delle armi che mettono in pericolo la sopravvivenza stessa della civiltà umana. Clicca qui.

Una preziosa guida sull’inclusione scolastica.

Cosa è previsto e cosa deve essere garantito, senza dover chiedere o concedere “favori” (continua...)

giovedì 13 dicembre 2018

Movimento di lotta per la salute Giulio A. Maccacaro. Chi siamo, da dove veniamo.


Dopo la scissione, abbiamo stilato una “carta di identità”. La trovate (cliccando qui) sulla sesta parte di “Luigi Mara & Medicina democratica” “Luci e ombre di un grande protagonista. Il filo rosso che lega il ‘sessantotto’ alla nascita dell’Associazione di Maccacaro e, passando per la mutazione genetica, fino alla sua scissione”. La prima parte del libro è stata pubblicata sul Blog l’8/11/18: clicca qui. La seconda il 15/11: clicca qui. La terza il 22/11: clicca qui . La quarta il 29/11 (clicca qui). La quinta il 6/12 (clicca qui).

Greenpeace e Ministero in azione.

Grazie alla campagna di Greenpeace, Wilmar International, il più grande operatore mondiale di olio di palma, controllerà la propria filiera. Clicca qui.
Il Ministero della salute ritira il dessert alla vaniglia di Conad per la presenza di allergeni. Clicca qui.

Report Assemblea Nazionale Forum Italiano dei Movimenti per l'Acqua.

Clicca qui il report. Presenze: Coordinamento Romano Acqua Pubblica, Coordinamento Regionale Acqua Pubblica Lazio, Forum Abruzzese dei Movimenti per l'Acqua, Abruzzo Social Forum, Confederazione Cobas, Comitato Acqua Pubblica Lago di Bracciano, Comitato Acqua Pubblica Salerno, Comitato Acqua Pubblica Torino, Coordinamento Ligure dei Movimenti per l'Acqua, Comitato Savonese Acqua Bene Comune, Comitato Acqua Pubblica Lecco, Comitato Acqua Pubblica Ferrara, Coordinamento Regionale dei Comitati Acqua Bene Comune Emilia Romagna, Comitato Acqua Pubblica Provincia di Varese, Coordinamento Calabrese Acqua Pubblica Bruno Arcuri, Reti di Pace, Rete Civica Ato 3 Sarnese-Vesuviano, Coordinamento Campano Acqua Pubblica, Forum Pontino – Diritti e Beni Comuni – Latina, Segreteria Operativa Forum Italiano dei Movimenti per l'Acqua.

Il parlamento europeo approva l'accordo tossico JEFTA UE - GIAPPONE.

 
Con la creazione di questa area di libero scambio crollano fondamentali regole che tutelavano diritti, servizi, salute, lavoro e ambiente (leggi il nostro report sul JEFTA).
Ecco il commento della campagna Stop TTIP: https://stop-ttip-italia.net/2018/12/12/il-parlamento-europeo-approva-il-jefta/
Questa è la lista degli eurodeputati italiani che hanno deciso di ratificare l’accordo contro l’interesse pubblico e le richieste della società civile. https://stop-ttip-italia.net/2018/12/13/ecco-chi-ha-votato-si-al-jefta/

Il programma delle prossime iniziative NoTav Valsusa.





Nonché Servizi TV, TG, quotidiani e appelli. Antifascismo, Rivalta, Gianni Milani, Decreto Salvini, Genova, Cavallerizza, Acqua pubblica ecc. Clicca qui Doriella e Renato.

Le lotte dell'acqua in giro per il mondo.

I risultati non vengono dal nulla ma dal costante lavoro condotto da persone ed organizzazioni a livello internazionale e dal Coordinamento dello Europen Water Movement. Clicca qui Renato Di Nicola.

Gli strumenti di lotta nonviolenta.

L'esempio, l'educazione, la persuasione, la propaganda, la protesta, lo sciopero, la noncollaborazione, il boicottaggio, la disobbedienza civile. Clicca qui.

Le realtà autoconvocate a Trebisacce (CS) per le urgenze ambientali della Calabria.

E’ diventata la pattumiera d’Italia e, nel contempo, territorio vergine da sfruttare e conquistare (trivelle, discariche, inceneritori, grandi impianti inutili e dannosi, ecc.). A fare cassa i soliti gruppi nazionali ed internazionali (Astaldi, Impregilo, Cmc, Eni, Total, ecc.); a farne le spese l’intera comunità calabrese e, tra essa, le fasce sociali povere e precarie. (continua)

martedì 11 dicembre 2018

I sindacati contro la legge sull’acqua pubblica: dalla parte dei padroni.

Cgil Cisl Uil hanno avviato la procedura e poi indetto lo sciopero il 17 dicembre per contrastare la legge per l’acqua pubblica in discussione alla Camera dei Deputati. Provvedimento, come è noto, che nasce dalla legge di iniziativa popolare presentata nel 2007 dal Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua col sostegno di oltre 400mila cittadini e poi nuovamente depositato nella scorsa legislatura con il l’intergruppo per l’acqua bene comune composto da 200 parlamentari di diversa estrazione politica. Il Forum Italiano dei Movimenti per l'Acqua esprime indignato stupore: clicca qui. 

La pistola elettrica in 12 città italiane.


IL TASER è in fase di sperimentazione a Milano, Torino, Padova, Reggio Emilia, Bologna, Genova, Firenze, Napoli, Caserta, Catania, Palermo e Brindisi. Il “Collettivo Antipsichiatrico Antonin Artaud” si oppone. Clicca qui.

Genova è superba a reagire.


Nella locandina: l’incontro promosso l’11 dicembre dal gruppo Progettare la Città. Inoltre il 15 dicembre, ore 14, zona antistante la stazione della Metro di Brin a Ge-Certosa, "scendiamo in strada perché genova è ferita non è stupida" i movimenti valverdenotav contro le "grandi" opere lanciano un presidio per lottare per i diritti della valle. 

COP24 BOLLETTINO Katowice.


Tutti gli aggiornamenti di ASUD dal vertice sul clima.
Vai al Bollettino1
Vai al Bollettino2
Vai al Bollettino3

La Dichiarazione dei Diritti Umani e le persone con disabilità.

Il settantesimo anniversario della Dichiarazione dei Diritti Umani e l’imminente dodicesimo anniversario della Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità devono rappresentare una preziosa occasione per rilanciare una sfida costruttiva e propositiva alle forze politiche del nostro Paese (continua...)

giovedì 6 dicembre 2018

Luigi Mara & Medicina democratica.

La Sezione di Alessandria “Movimento di lotta Giulio A. Maccacaro” (clicca qui) pubblica la parte quinta di “Luigi Mara & Medicina democratica” (clicca qui): “Luci e ombre di un grande protagonista. Il filo rosso che lega il “sessantotto” alla nascita dell’Associazione di Maccacaro, e passando per la mutazione genetica, fino alla sua scissione in “Movimento di lotta per la salute Giulio A. Maccacaro”. La prima parte del libro è stata pubblicata l’8/11/18 sul Blog: clicca qui. La seconda il 15/11: clicca qui. La terza il 22/11: clicca qui . La quarta il 29/11 (clicca qui).
La parte quinta (Lo spettro della scissione) inizia con “A tutti è chiaro che la crisi dell’Associazione va al di là dello scandalo dell’attacco congiunto Caldiroli-Solvay a Marchi- Livorno. Dall’anamnesi dello stato di salute rileviamo una mutazione genetica accentuata negli anni duemila: l’attività si sposta prevalentemente sul versante dei processi penali, dunque sul centro lombardo, mentre trascura la partecipazione ai Movimenti di lotta sui territori, dunque il ruolo delle Sezioni diventa superfluo e marginale, anzi un intralcio, scompaiono Sezioni e Soci. Rileviamo che della mutazione genetica è figlio legittimo il golpe avviato al Congresso di Napoli: un esiguo numero di Soci bypassa le Sezioni e si autonomina grande elettore e consegna definitivamente le leve del potere economico e” [continua]

Tera e Aqua di dicembre e gennaio.

Se clicchi qui puoi leggerlo.

L'8 dicembre, chi non va a Torino ( no tav) va a Melendugno (no tap) o a Niscemi (no muos).




Greenpeace di nuovo in azione ad Alessandria.

 
Dopo la spettacolare scalata alle ciminiere di Spinetta Marengo con gli striscioni “Qui si buca l’ozono” (clicca qui), blitz allo stabilimento Saiwa di Capriata d’Orba: “Basta  olio di palma che distrugge le foreste” (clicca qui).


8 dicembre, tutte e tutti NoTav a Torino e non solo.


Il popolo No Tav riunito venerdì 30 novembre a Bussoleno lancia un’ampia mobilitazione verso l’8 dicembre 2018 con la manifestazione di Torino. Questa per noi sarà la manifestazione dell’orgoglio della nostra lotta quasi trentennale, con il ricordo all’8 dicembre 2005 in cui liberammo Venaus e bloccammo il primo progetto dell’opera, e dell’8 dicembre 1943, giuramento partigiano della Garda. (continua la Mozione approvata)


Il Cotrosservatorio Valsusa, tra le importanti iniziative, ne segnala due (clicca qui). “Tav, no grazie”, incontro pubblico con Luca Mercalli, Alessandra Algostino, Federico Bellono, Maurizio Pagliassotti e Angelo Tartaglia. E appello del mondo accademico, del lavoro, della cultura e della scienza. All’appellohanno aderito in poche ore, insieme a centinaia di cittadine e cittadini torinesi delle più diverse estrazioni, anche personalità di rilievo nazionale.
Clicca qui le iniziative dopo l’8 dicembre

L'acqua è vita, difendiamola! Conferenza a Firenze.


Organizzata da Forum Toscano dei Movimenti per l’Acqua. Diamo forza alla petizione on line. Clicca qui.

mercoledì 5 dicembre 2018

Nuova mobilità dopo il crollo del ponte Morandi. E non bastano gli indennizzi.

Antonio Bruno: analisi e proposte per una nuova mobilità delle persone e delle merci a Genova. Clicca qui.
Il “Comitato Liberi Cittadini di Certosa- Borzoli-Fegino-Gruppo del verde Valtorbella”: “Non bastano gli indennizzi per garantirci un futuro” clicca qui.

Arance di Natale a sostegno dell'ospedale nel campo di Makhmur, nel Kurdistan iracheno.


13mila curdi evacuati dai turchi, accampati in pieno deserto fra serpenti e scorpioni, hanno avuto la forza di resistere con colture e bestiame, e scuole e un ospedale che ha solo 12 ore di autonomia giornaliera di energia elettrica e necessita di una ambulanza. Contatta LUCIA (333 5627137) ANTONIO (335 7564743)

Muri a secco nel Patrimonio dell'umanità.


Italia Nostra per un segnale forte ed atteso: la rivincita della pietra verso il cemento. Clicca qui.

L'unica linea adeguata per la prevenzione e la difesa della salute è esautorare l'INAIL.


Invece CGIL-CISL-UIL insistono nella loro linea masochista e il “ceto politico” marcia da sempre unito (con qualche eccezione)… nel negare la prevenzione e perfino i risarcimenti per i danni subiti.
Un intervento polemico di Vito Totire, portavoce di AEA associazione esposti amianto: clicca qui.

martedì 4 dicembre 2018

Applicazione legge Seveso alle infrastrutture che portano materiali pericolosi per l'ambiente.

Petizione da firmare e consegnare al presidente della Camera dei deputati Fico: clicca qui.

La femme-machine. Vita di Rosanna Benzi nel polmone d’acciaio.


Dalla stanza d’ospedale dove passò immobile gran parte della sua esistenza, Rosanna aveva una chiara e moderna visione dei meccanismi escludenti della società, con una limpida percezione dello stigma che colpisce le persone con disabilità, e a ricordarlo c’è oggi anche il bel libro di Lavinia D’Errico. (continua...)

Cittadini senza diritti. Rapporto Naga 2018. Immigrazione e (in)sicurezza: la casa, il lavoro e la salute.



Dati che restituiscono una rappresentazione vera, approfondita e unica, in contrasto con quella corrente. Clicca qui

La concentrazione media di Co2 in atmosfera ha raggiunto il record assoluto di 405,5 ppm nel corso del 2017.


A tre anni dalla sigla a Parigi del disatteso Accordo globale sul clima, dal 3 al 14 dicembre in Polonia, a Katowice, alla 24° Conferenza delle Parti ONU sui Cambiamenti Climatici, con la partecipazione dei rappresentanti di oltre 190 governi, l’Associazione A Sud seguirà le negoziazioni, i forum di discussione e le mobilitazioni, riportando aggiornamenti e notizie. Clicca qui gli eventi in Italia sulle tematiche COP. 


Flash mob in Piazza Montecitorio per difendere i diritti umani.

Il 10 dicembre 2018 in tutto il mondo si celebrerà il 70° anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani: la Carta scritta, dopo due guerre mondiali e cento milioni di morti, per dire basta a tutti gli atti di barbarie e spingere l’umanità sulla via della pace. Un documento importante che è alla base di molte grandi conquiste dell’umanità oggi minacciate da crisi e politiche pericolose. Clicca qui l’appello al Parlamento e al Governo.

No2NoGrazie – Che aria tira?

In corso la nuova campagna civica lanciata dall'associazione Cittadiniperlaria di Milano allo scopo di misurare la presenza nell'aria del biossido di azoto (la cui formula chimica è appunto No2), gas tossico considerato un "tracciante" dell’inquinamento atmosferico da traffico motorizzato. Il progetto consiste nell'installazione di rilevatori di No2 in vari punti della città, per creare una mappatura delle aree urbane e varie infografiche a scopo divulgativo. Si sono già unite all'iniziativa le reti Bastaveleni di Brescia, Ariapesa di Bologna , Salvaiciclisti di Roma, gli Amicidellebici di Alessandria. 

giovedì 29 novembre 2018

"Luigi Mara & Medicina democratica", quarta puntata.


 

Movimento di lotta per la salute
Giulio  A. Maccacaro
Sezione di Alessandria





La Sezione di Alessandria (clicca qui) pubblica la parte quarta di “Luigi Mara & Medicina democratica” (clicca qui): “Luci e ombre di un grande protagonista. Il filo rosso che lega il “sessantotto” alla nascita dell’Associazione di Maccacaro, e passando per la mutazione genetica, fino alla sua scissione in “Movimento di lotta per la salute Giulio A. Maccacaro”. La prima parte del libro è stata pubblicata l’8/11/18 sul Blog: clicca qui. La seconda il 15/11: clicca qui. La terza il 22/11: clicca qui . La quarta inizia da pag. 48 : <<Con l’autoconvocazione di Rosignano del 7 aprile 2018, i Soci di Alessandria, Livorno, Cecina, Ferrara, Genova, Firenze, sottopongono a tutti i Soci un documento dal titolo: “” L’esigenza di rifondare Medicina Democratica quale Movimento lotta per la salute è assai diffusa tra i Soci e si esprime con apatia e anche con spinte a scissione. Ma anche con [continua]

Rete Ambientalista - Movimenti di lotta per la Salute, l'Ambiente, la Pace e la Nonviolenza.


Nel 2018 il nostro Blog ha festeggiato il decennale. Grazie alla consulenza di Barbara Tartaglione, il numero dei "Post" è passato da 5 nel 2008 a 800 nel 2017, a 781 a novembre 2018. Contiamo 10.000 accessi al mese. Inoltre il gruppo Facebook ha 7.000 membri, e il canale Youtube ha 200  visualizzazioni. Infine la Mailing-list è inviata con cadenza settimanale a circa 22.000 utenti. Siamo sempre più impegnati a sviluppare ulteriormente uno spazio aperto alle esperienze dei Movimenti impegnati nelle lotte sul fronte della salvaguardia dell’ambiente, della tutela della salute, della difesa della pace e della nonviolenza. I nostri libri sono stampati a spese dell'autore: la loro sottoscrizione è interamente devoluta a Ricerca Cura Mesotelioma. Clicca qui.

Pfas/Pfoa è emergenza sanitaria nazionale.

La presenza in donne in gravidanza può determinare anomalie nel corretto sviluppo, prima, del feto e, poi, del bambino, con conseguente rischio di infertilità, abortività, endometriosi, disturbi comportamentali nell’infanzia, forse anche di diabete e di alcuni tipi di cancro (testicolo, rene, prostata). Clicca qui.

I dati della mortalità Pfas alla Miteni di Trissino.

Clicca qui il video Rai.

Petizione del "Gruppo No Pesticidi".






L’esposizione ai pesticidi è associata allo sviluppo di patologie neurodegenerative, neonatali, ormonali, nonché a problematiche a carico del sistema immunitario e persino all’insorgenza di tumori. Clicca qui Petizione alla Camera il 4 dicembre.